Concorso riservato dirigenti scolastici: hai ancora tempo fino al 27 gennaio per partecipare! Scopri tutto sulla pagina dedicata

Sogni di diventare un dirigente scolastico?Allora questa notizia fa al caso tuo!Il Ministero dell'Istruzione ha rilasciato le nuove linee guida per il concorso riservato ai ricorrenti del 2017.Scopri qui tutti i dettagli.

Chi può partecipare al concorso per dirigenti scolastici del 2024?

Prima di tutto, devi sapere che per poter partecipare al corso intensivo di formazione, devi aver sostenuto almeno la prova scritta del concorso del 2017.Inoltre, devi rientrare in una delle seguenti categorie:

- Se hai presentato un ricorso perché non hai superato la prova scritta e la tua causa è ancora in corso.
- Se hai superato sia la prova scritta che quella orale grazie a un provvedimento giurisdizionale cautelare, anche se poi è stato revocato.
- Se hai presentato un ricorso perché non hai superato la prova orale e la tua causa è ancora attiva.

Se ti riconosci in una di queste situazioni, allora sei ammesso alla prova di ammissione al corso intensivo di formazione.

Ricorda che la domanda di partecipazione deve essere inviata entro le 23:59 del 27 gennaio 2024.

Come fare per compilare l'istanza?

Per compilare l'istanza hai bisogno delle credenziali SPID/CIE/CNS/eIDAS o un'utenza valida per l'accesso ai servizi del Ministero dell'Istruzione.Dopo aver ottenuto le credenziali, puoi accedere al servizio "Istanze OnLine (POLIS)" dal sito www.miur.gov.it.Segui poi il percorso "Argomenti e Servizi > Servizi > lettera I > Istanze on Line, vai al servizio" e seleziona "Concorso riservato per l'accesso ai ruoli della dirigenza scolastica, di cui al DM 107 – 8 giugno 2023".

Puoi anche accedere al servizio tramite il link presente sul portale InPA.

Costi e informazioni aggiuntive

Per partecipare alla prova di accesso al corso intensivo di formazione devi versare un contributo di segreteria di 350 euro.Il pagamento deve essere effettuato contestualmente alla domanda di partecipazione utilizzando il sistema "Pago In Rete".

Per ulteriori informazioni, visita la pagina appositamente creata dal Ministero.Lì troverai tutte le risposte alle tue domande e potrai prepararti al meglio per il concorso.

Preparati al meglio con il webinar della Tecnica della Scuola

Se hai bisogno di un aiuto per studiare, non perdere il webinar organizzato dalla Tecnica della Scuola.

A partire dal 23 febbraio, potrai seguire le lezioni tenute da Anna Maria Di Falco, un'esperta di normativa scolastica.Questa è un'occasione imperdibile per prepararti al meglio per le prove del concorso.

Non perdere questa opportunità di diventare un dirigente scolastico di successo.Afferra questa chance e inizia subito a prepararti!

Concorso riservato dirigenti scolastici: hai ancora tempo fino al 27 gennaio per partecipare!Scopri tutto sulla pagina dedicata
Concorso riservato dirigenti scolastici: hai ancora tempo fino al 27 gennaio per partecipare!
Scopri tutto sulla pagina dedicata


"La burocrazia difende il diritto di ogni cittadino di essere uguale davanti alla noia", scriveva Umberto Eco.E in effetti, l'attuale iter per la partecipazione al concorso riservato ai dirigenti scolastici sembra incarnare questa massima.Tra ricorsi, contenziosi e termini burocratici, il percorso verso la dirigenza scolastica si mostra irto di ostacoli che potrebbero scoraggiare anche i più motivati.Il contributo di segreteria di € 350,00 non è una cifra trascurabile, e solleva ulteriori questioni sull'accessibilità di queste procedure selettive.

Di fronte a tale scenario, si pone un interrogativo fondamentale: siamo sicuri che la selezione dei dirigenti scolastici debba passare per un percorso così tortuoso?Non è forse il momento di ripensare i meccanismi di reclutamento, in modo da valorizzare realmente le competenze e la passione per la gestione del patrimonio educativo del nostro Paese?La formazione offerta da enti come la Tecnica della Scuola rappresenta un'ancora di salvezza in questo mare di complessità, ma è sufficiente?Riformare per semplificare, potrebbe essere la chiave per un sistema più efficiente e meritocratico.

Lascia un commento